il consenso dei penultimi

Il Presidente Trump, stando alle notizie di stampa, ha bloccato il programma d’aiuto ai rifugiati.  Atto perfettamente consono alla logica del consenso politico. I ricchi di solito sono di manica larga, mentre i poco abbienti, salvo lodevoli eccezioni, sono poco generosi e temono la concorrenza dei più poveri, degli ultimi. Quindi, non elargire agli ultimi, comporta il consenso dei penultimi. Sono i quasi poveri autoctoni lo spesso strato sociale del consenso reazionario. Cosicché la povertà, come sempre è accaduto, non innesca idee di giustizia, ma diventa pervertito collante dell’ingiustizia stessa. La vera povertà, quella incurabile, è impastata d’ignoranza.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

14 risposte a il consenso dei penultimi

  1. Daniela ha detto:

    condivido il tuo pensiero,la povertà per i potenti è mero strumento di propaganda

  2. poetella ha detto:

    terribilmente povera l’era in cui viviamo…

  3. Novella Semplici ha detto:

    Victor Hugo sosteneva che la povertà sarebbe stata debellata dall’istruzione, ma ancora oggi vediamo come un innalzamento del livello medio di istruzione più che buono non ha portato automaticamente a un aumento del buon senso. L’istruzione per radicare ha bisogno di un substrato fertile, e non sempre i pregiudizi dell’ambiente, le abitudini familiari, il contesto sociale vengono da essa sconfitti. Soprattutto perché in molti casi si spacciano nozioni più che un metodo per rendere indipendente lo studente, in modo da fargli discernere il vero dal falso anche in assenza di una guida. Ne vediamo l’effetto sulle mandrie social di facebook e affini che diffondono bufale per ogni dove. La scolarizzazione non ha risolto, e di fronte a un peggioramento delle condizioni sociali si assiste purtroppo a un regredire verso valori (meglio, disvalori) che si pensavano ormai superati. Peggio ancora, nel momento storico attuale, la fine delle ideologie politiche e anche religiose ha creato un vero e proprio disfacimento delle figure che prima venivano considerate autorevoli (clero, politici, insegnanti, medici, ecc.) per rivolgersi ad alternative che purtroppo non sempre sono realmente affidabili ma che veicolano un messaggio gradito e facile e quindi preferibile per chi non ha voglia (o modo) di approfondire.
    Mala tempora currunt.

  4. Sara ha detto:

    E’anche difficile capire chi sono gli ultimi.

    • diegod56 ha detto:

      hai ragione, l’espressione è un po’ predicatoria, e la complessità dell’oggi mal si adatta alle semplificazioni, cara Sara; ma forse non conta chi sono davvero gli ultimi, ma le conseguenze delle paure penultimi

  5. popof1955 ha detto:

    Sintetico ed efficace.

  6. Purtroppo Trump è la punta dell’iceberg di un fenomeno dilagante.

    • diegod56 ha detto:

      in effetti, dolce Princy, più che una causa è una conseguenza, però è chiaro come anche il suo agire personale è determinante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...