Archivi del mese: gennaio 2016

giacchetta azzurra

Giacchetta azzurra, forse vestigia d’un bel completo elegante finito alla Charitas. Sotto le luci spettrali del filobus le facce imbarazzate fan finta di niente, guardano in terra o fuori dai vetri. L’uomo con la giacchetta azzurra parla a voce alta, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 7 commenti

per chi ama la musica

Mi permetto di suggerire le efficaci e preziose pagine del maestro Leo Ravera, che ogni lunedì pubblica una recensione di alta qualità su un musicista e/o un genere musicale, corredata di filmati ed anche notazioni musicali; per chi ama la … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | 6 commenti

puntini sulle i

Sono un uomo pacifico e tollerante, rifuggo la violenza. Ma non sono amico di tutti. Scriverò una cosa molto banale, ma ogni tanto va scritta. Il lavoro, la possibilità di sostentare dignitosamente la propria famiglia, non è un regalo, non … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 10 commenti

un sorriso senza spreco

La nonna non è un tipo sentimentale. Vera rude donna ligure, di quelle abituate a governare con attenzione le palanche e la casa. Donne che ogni mattina guardavano il mare, mentre stendevono i panni, sapendo che lui è per mare. … Continua a leggere

Pubblicato in momenti | Contrassegnato , | 5 commenti

tutto era nel prima

Ammetto che mi piacciono le donne. Le gambe tornite, i fianchi morbidi, la dolcezza dei seni (sia grandi e generosi che piccoli e maliziosi). Mi piace il frusciare delle vesti, la pelle scoperta d’improvviso. Mi piace il caldo abbandono, la … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 14 commenti

Giovanni Battista

Le folle lo interrogavano: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

la donna che trema [quasi recensione]

«Nel maggio 2006, sotto un nitido cielo azzurro, mi sono messa a parlare di mio padre, che era morto da più di due anni. Appena ho aperto la bocca, ho cominciato a tremare violentemente. Ho tremato quel giorno e ho … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | 2 commenti