fino all’ultimo raggio di sole

È un crinale stretto, eppure dobbiamo saper distinguere la serena accettazione del vivere dalla rassegnazione. Sempre giocare, fino all’ultimo raggio di sole, poi accettare la notte. Quel riposo non sarà sconfitta, ma premio.

Pubblicato in momenti | Contrassegnato | 4 commenti

il colpevole

È accaduto qua vicino, stavolta. Quando due persone anziane si ammazzano per problemi economici e di salute, non è un suicidio. Lo è per la legge, certo. Ma l’opulenza, lo spreco e i privilegi di molti sono l’altra faccia della medaglia. È per me un omicidio, il colpevole si chiama ingiustizia.

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

come onda fresca

Poco dopo Sarzana, improvvise saltan su le ragazzine; fiori appena appena sbocciati, mi sa che son le prime domeniche che le lasciano andare da sole. Spumeggianti come onda fresca sugli scogli dilagano fra i sedili consunti della corriera. Sbirciano assieme uno smartphone e ridono, forse sono i primi palpiti d’amore, i primi sguardi di ragazzotti. Peluria che sarà barba la prossima stagione. Fresche e luminose, un coro di vocine allegre, le giovanissime. La corriera, mentre un raggio di sole fende le nuvole da ovest, pare una fioriera viaggiante, vecchia e rugginosa, traboccante fiori nuovi e nuova vita. A destinazione, scendon tutte. Mi raccomando, a casa per l’ora di cena. Forse ancora danno retta alla mamma, ancor ragazza pure lei, a pensarci.

Pubblicato in momenti | Contrassegnato , , | 4 commenti

dodicesima battuta

Tutta la bellezza del blues è proprio la ripetizione, è proprio la dodicesima battuta che si scioglie nel ricominciare, nell’arrancare. Ripetizione e Differenza nel contempo. Chissà se Deleuze amava il blues, ma non m’importa degli intellettuali francesi. M’importa del nostro suonare assieme, senza particolare destinazione se non il vivere e/o il morire.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

guarda arriva l’aeroplano

una struggente poesia dedicata al padre, notevole secondo me; i sentimenti sono sentimenti, e sono tutto in una vita

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | 3 commenti

One door at a time

Ho bisogno del silenzio per vedere un colore, per capire quel che armonizza due colori. Vedere in silenzio. Ho bisogno del silenzio per sentire quell’onda che pulsa in me. Ho bisogno del silenzio per intuire la differenza fra me e il nulla. Non sono sinestetico, amo anche la musica, ma per lei ho bisogno del buio. Una porta alla volta, così mi garba.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

perché ci piace?

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti