Archivi categoria: ironia culturale

anche il silenzio

Prima di proclamare, con banale prosopopea: «sono libero», è bene ragionarci un momento. Anzitutto non è possibile esser liberi dall’essere incorporati, intrisi, inesorabilmente coessenti al nostro corpo. Quindi se, per un accidente evolutivo, da qualche groviglio di neuroni emerge una … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | Contrassegnato , , , , | 9 commenti

tempo, linguaggio, solitudine

Le citazioni lunghe, in genere, non piacciono. Ma la questione della mente, del suo essere il crocevia, il nodo ineludibile, di tempo e linguaggio, è un tema che mi garba assai. Quindi andiamo ad un testo fondamentale al riguardo. «Quando … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | Contrassegnato , | 7 commenti

la sconfinata solitudine del Maestro

Per la festa egli era solito rilasciare un carcerato a loro richiesta. Un tale chiamato Barabba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio. La folla, accorsa, cominciò a chiedere ciò che sempre egli … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, momenti | Contrassegnato , | Lascia un commento

solitudine a doppio fondo

La vera solitudine è quella successiva alla solitudine banalmente numerica. Mi spiego meglio: se sei da solo, senza alcuno intorno, sei solo con te stesso. Ma poi t’accorgi che anche questo «te stesso» non c’è, è un evento sintattico, un’essenza … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, momenti | Contrassegnato | 4 commenti

un percorso circolare

Solo l’ingenuità suscita autentica simpatia. La splendida, immensa, ricca, gravida madre di bellezza, cioè la cultura europea, lascia varchi continui alla nostalgia del primigènio, del sorgivo zampillare di sentimenti freschi, immediati. Così vale per un popolo, per una letteratura, così … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, momenti | Contrassegnato , | 2 commenti

grecisti e filosofi (di conseguenza?)

Tanto Leopardi quanto Nietzsche erano grandi grecisti, e non è un caso. Il filosofo con i baffi non era un professore di filosofia e in qualche modo non lo era neppure il genio di Recanati. Ci ho messo tanto a … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | 4 commenti

il cane sul cortile ovvero genealogia del sentimento

In casa a rigovernare, nell’ombra del cortile, al mattino. Poco sopra le mie finestre aperte, il piccolo cane di nero pelo, dal terrazzo sparge nel cortile il suo pianto canino; probabilmente la signora (una cara amica) lo ha lasciato solo … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | Contrassegnato | 9 commenti