Archivi categoria: ironia culturale

Dall’io al noi, nuove mappe per marinai.

Per un certo tempo chi scriveva su un blog o, ancor più, su un sito statico le proprie considerazioni, le proprie più o meno rilevanti opinioni, lo faceva con la forma mentis del saggista o del recensore. Io scrivo, tu … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | Contrassegnato , | 2 commenti

rispetto e bellezza

Strappando i petali, tu non raccogli la bellezza del fiore. (*) Il rispetto è dunque indispensabile per una vera conoscenza, si tratti di cose, di persone, di qualunque ente che racchiuda bellezza (*) da Uccelli migranti, di Rabindranath Tagore, traduzione … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, momenti | Lascia un commento

pensieri pronti, subito pronti

Nell’assoluta modestia della mia preparazione culturale, su un punto però non transigo. Amo pensare senza paraocchi e museruola, e disprezzo ogni moda. Pensieri pronti da scaldare nel microonde, non li digerisco.

Pubblicato in ironia culturale | 2 commenti

fuga dal nulla

La matrice, la genesi, l’energia dei sentimenti giusti, dei nobili proponimenti, è la stessa delle tentazioni basse, a tratti volgari, delle quali ci si vergogna d’averle pensate. È la smania ineluttabile di provare qualcosa, di sentirsi presi dall’impeto, dalla sensazione … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, momenti | Contrassegnato | 5 commenti

La materia e la forma [Ecce puer]

Medardo Rosso, Ecce puer La foto, attraverso il vetro della teca, e improvvisata col cellulare, non è degna della grandezza di quest’opera, però è mia. Finalmente ho visto dal vero questa scultura così suggestiva. La stessa «Galleria d’Arte Moderna Ricci … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale, suggerimenti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

amore per il proprio racconto d’amore

Un bel racconto, di stampo proustiano, di Eugenio Curatola; è evidente come l’avvolgersi della storia d’amore, nel narratore, è tutta interiore, è tutto nel proprio racconto. Il passaggio dalla personale fantasia alla (cosiddetta) realtà comporta un ritrarsi, un non poter … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | 2 commenti

scuola per umani, scuola per cani

Non mi piacciono i richiami banalizzanti ad una scuola «adatta» al mercato del lavoro. Istruire cittadini, significa formare persone, persone che pensano, studiano, amano la vita e le tante meraviglie della cultura d’Europa. L’addestramento si addice ai cani, non agli … Continua a leggere

Pubblicato in ironia culturale | 7 commenti