madre nascosta [musica]

La tristezza e l’allegria a volte danzano assieme. A volte l’allegria indossa quel velo di malinconia sottile. A volte dalla tristezza sgorga, come inattesa brezza certe sere d’estate, l’allegria. Potente evocatrice (ben lo sanno gli artigiani del cinema) è la musica. In particolare la musica sudamericana spesso danza ambigua fra la tristezza e l’allegria. Il blues sarebbe triste, ma è una tristezza ironica, liberatoria. Del resto la musica non la comprendi mai fino in fondo, ma ti allatta di soppiatto, come una madre nascosta. Siamo tutti in viaggio verso il silenzio, con una bisaccia piena di parole consumate, e guai a viaggiare senza musica.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a madre nascosta [musica]

  1. Celia ha detto:

    Fottuta meraviglia.

  2. poetella ha detto:

    Guai! Davvero guai!
    (Io cammino sempre con la musica nelle orecchie. Se sono sola, ovviamente!)
    Buona serata Diego.

  3. poetella ha detto:

    Musica! Certa roba che ascoltano dei poveretti non è musica! Io parlo di MUSICA. E, bada, non solo classica…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.