raffigurare [considerazioni sul poetico]

Un capolavoro della poesia d’ogni tempo e, a seguire, una breve considerazione sul «poetico»

Credo che da sempre il paesaggio sia il vero protagonista di tanta parte dello scrivere poetico. Molte poesie, siano esse famose oppure semplici appunti sconosciuti, si nutrono del paesaggio, dell’evocazione di spazi. Mia opinione personale è che chi scrive poesie usi l’amore, il sentimento descritto, come un efficace pretesto per poter dipinger paesaggi con le parole. I poeti usano i sentimenti per raffigurare con compiacimento. Lo scarto, lieve ma nitidamente percepibile, fra verità e narrazione, è la cangiante e irrisolta tensione che genera la poesia. Che il poeta è un fingitore lo scrisse uno dei più grandi, non serve che ne scriva il nome.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a raffigurare [considerazioni sul poetico]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.