in fondo è lo stesso gioco

Vento teso di grecale. Sembrava non dovesse andar via l’estate, come un ospite a cena che s’attarda e vorresti dormire. Cielo blu metallico, rade nubi laggiù sulla linea del mare, oltre le gru, giganti che non si possono fermare. Cosa rimane di quel che siamo stati? Già, come ogni fine estate, inizia la tessitura ingannevole dei ricordi. Nulla siamo se non quell’ipotesi traballante che definiamo noi stessi. Il vino rosso, ora che fa più freddo, aiuterà a ricordare e, ma in fondo è lo stesso gioco, a dimenticare.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a in fondo è lo stesso gioco

  1. poetella ha detto:

    Buono il vino rosso…

  2. Grazia Bruschi ha detto:

    incantevole malinconia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.