le parole sono noi

Perché la letteratura, la buona letteratura, è così efficace nel descrivere l’umano essere nel mondo? C’è a mio avviso una spiegazione biologica, nel senso aristotelico del termine. La chiave è la coessenza di linguaggio e pensiero. Il linguaggio, il gioco potente e combinatorio delle parole (in questo caso quelle pensate e non espresse con la voce) è il motore del pensiero stesso. Fin da bambini, il nostro cervello e con esso il corpomente nel suo divenire, è plasmato, costruito, strutturato dal linguaggio. Quindi, le parole che leggiamo nella buona letteratura sono pensiero nel suo pieno accadimento, in noi. Chi ha un buon linguaggio, ha un pensiero efficace e potente, perché sono lo stesso evento. Oggi è una bella tersa giornata, luce quasi accecante, se lo racconto bene, ne afferro bene la bellezza aggressiva, così come ieri avrei raccontato bene la tenerezza d’un giorno di pioggia, per le vie d’una piccola città. Ovviamente io non sono un grande scrittore, ma ho capito che linguaggio e pensiero son due nomi dello stesso accadimento.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a le parole sono noi

  1. L’italiano è una lingua ricca e articolata che offre la possibilità di esprimere le minime sfaccettature del pensiero.

    • diego ha detto:

      assolutamente d’accordo dolce princy, l’italiano è una lingua ricca e articolata, e chi bene lo sa utilizzare, bene sa pensare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...