Natiche australi

Parliamo di Culi. In effetti stamane, sul bus che mi riporta agli appartati muri dopo una notte a custodir vecchiette (le si fan durare, in relazione alla bontà della pensione), mi ha quasi schiacciato. Non ch’io disprezzi le femminee morbidezze, ma la signora sudamericana avrebbe necessitato un doppio sedile, uno per natica. E invece due sedili erano del tutto inadeguati al mio già non esile corpo mortale (l’anima l’ho raffinata, per il corpo ci vorrebbe una dieta, ahinoi) schiacciato dalla sontuosa forse d’Ecuador. Vengono dall’altra parte del pianeta, osservarle e unire in sintetica icona mentale emisfero australe del mondo ed emisfero posteriore della simpatica madame è inevitabile. I sedili son calibrati su natiche standard, ma si sa che i designers son magri, quasi sempre a dieta, eleganti quanto basta per le mogli benestanti che permettono, in genere, di viver d’arte. Ma i culi veri, nulla hanno in comune con quelle asciutte natiche da benestante. Ma è il bello dell’autobus, ed io amo la miscela dell’alta e bassa gente.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Natiche australi

  1. Solo tu potevi descrivere con tanta grazia, la sovrabbondanza posteriore. Lode!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...