perdersi e trovarsi

«Sono alla ricerca di me stesso». Frase abusata e non poco. Suona bene, evoca pienezza esistenziale, fa supporre un’animo poetico ed errabondo, insomma piace. Io, debbo ammetterlo, non ne ho mai ben afferrato il significato. Anzitutto sottende che sia bello trovare se stessi. E se io fossi, tolte le varie maschere imposte dalle mode, dalle fugaci infatuazioni per questa o quella eterna verità, anche un po’ stronzo? Mi perdonino le signore e signorine in lettura. Il problema è: cercare se stessi, d’accordo, ma se poi, una volta trovato, o forse trovatomi (che orrore lessicale), m’accorgo che non mi piaccio? Secondo me non siamo alla ricerca di noi stessi, ma alla ricerca d’un pupazzo che ci garba, cui appiccicare il nostro nome, e lasciar che viva lui. «Sono alla ricerca di perdere me stesso», ecco la frase giusta.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale, momenti. Contrassegna il permalink.

13 risposte a perdersi e trovarsi

  1. Come parole di polvere ha detto:

    Wow……guarda io non so se mi sia mai persa ritrovata o persa nella speranza di perdermi….penso di esserci sempre stata e di esserci, cosa evidente se ti rispondo…e penso che in alcuni momenti il non pensare a me mi abbia obbligata a pensare ad altro o ad altri..se poi tornare a pensare a me implica il “ritrovo di sé “….va bene lo stesso..c’ero, ci sono, ci sarò😁🖒🖒🖒🖒paola.

  2. bortocal15 ha detto:

    L’ha ribloggato su cor-pus 15e ha commentato:
    queste considerazioni di diegod56 sono troppo azzeccate e taglienti per rischiare di dimenticarsele.

    le ripubblico con qualche piccolo adattamento editoriale di gusto personale.

    e col primo commento di Come parole di polvere:]

    Wow…… guarda io non so se mi sia mai persa ritrovata o persa nella speranza di perdermi….
    penso di esserci sempre stata e di esserci, cosa evidente se ti rispondo…
    e penso che in alcuni momenti il non pensare a me mi abbia obbligata a pensare ad altro o ad altri..
    se poi tornare a pensare a me implica il “ritrovo di sé “…. va bene lo stesso.. c’ero, ci sono, ci sarò😁🖒🖒🖒🖒
    paola.

  3. Julo ha detto:

    in effetti l’ho sempre detto: il più grande pericolo che si corre andando in cerca di sé stessi è quello di trovarsi.

  4. Mah, caro Diego, anche se volessi farlo, non saprei proprio da che parte cominciare. Chi lo fa, avrà pure i suoi buoni motivi per farlo. Vorrei sapere di più di mio padre, ma è troppo tardi. Buon proseguimento (di vita, senza ricerca….). LuigiMaria

  5. Giuliana ha detto:

    il fatto e’ che uno si cerca nella speranza di trovare qualcosa di meglio di quello che si crede di essere, e’ cosi’ che si prendono delle cantonate pazzesche perche’ il piu’ delle volte si trova il peggio di noi opportunamente ed inconsciamente ben autooccultato

  6. Meglio non rischiare, “maniman” mi trovo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...