calzini grigioscuri [2. θάνατος]

Non ricordo esattamente la località. Forse una stradina al centro di Livorno, città dei misteriosi parenti, forse semplicemente una periferia così lontana da sembrarmi un’altra città. Avevo circa 6 anni, a quell’età il senso delle distanze è poco geografico e molto basato sulla lunghezza (e la noia) dello spostamento. Un modesto caseggiato a tre piani, l’appartamento spoglio, le voci tranquille delle donne e, in camera, il morto. Non avevo mai visto un morto, chissà come mai mi permisero di vederlo, ma non provai punto spavento. Detto chiaro: ero perfino deluso della normalità. Sdraiato sul letto, un vestito a giacca un po’ liso, immobile, un volto senza espressione. Un poco mi pareva strano questo esser sul letto col vestito, mi aspettavo che un morto dovesse morire col pigiama. Unica vera stranezza la mancanza delle scarpe ai piedi del letto, come accadeva invece quando, dopo un lauto pasto festivo, un parente di riguardo si coricava vestito, dopo le mandibolari fatiche. Aveva calzini grigioscuri, nuovi probabilmente. Curioso, probabilmente non visto, allungai la mano e tastai un piede, mi colpì la durezza lignea, non sapevo che i morti stanno rigidi. Comunque, all’epoca, mi dicevano che l’anima vola via, e meno male. Questo il mio primo ricordo sulla questione.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale, momenti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a calzini grigioscuri [2. θάνατος]

  1. silvia ha detto:

    A parte mio padre, tutti gli altri morti che ho visto mi hanno fatto impressione

  2. I defunti non mi hanno mai fatto impressione.Solitamente, se si tratta di persone care, mi piace rimanere accanto a loro e fargli l’ultima carezza.

    • diegod56 ha detto:

      in effetti hai anche ragione cara Princy, ricordo che rimasi molto con mia mamma quando, giovane ancora purtroppo, giacque nel suo ultimo riposo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...