la danza, nel freddo

Volteggiano fra la siepe e il marciapiede. Il cielo della periferia è quasi bianco. Solo un signore anziano, col cane, anziano pure lui. Ma loro volteggiano, a scatti improvvisi. Immobili per pochi attimi, poi ricomincia il gioco, si inseguono. Danza nuziale, danza di vita che s’è inventata l’astuzia dell’amore. Sentimenti? Ma no, direbbe l’osservatore banale: è istinto, son due uccelli! Noi, nel freddo d’una domenica di gennaio, ricordiamo (solo un attimo) quel fremere intenso d’amore degli anni più belli. Il calore d’amore si nutriva anche del freddo, per apparir più intenso. Istinto? Sentimento? È tutt’uno. Presi dalla danza, così come i merli, incuranti del gelo.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a la danza, nel freddo

  1. Sara ha detto:

    Beati nell’incantesimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...