come un bimbo che spia

Il tempo trascorso non esiste più. Eppure è solo il suo profumo, la sua lontana, insistente cantilena, a farmi compagnia. È un coltellino per aprire quella fenditura, nel nulla dei miei giorni, dalla quale, curioso come un bimbo che spia, rubo il senso del vivere.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...