là fuori

chissà perchè ti senti pienamente vivo quando sei coinvolto, preso, rapito da un’esperienza (anche estetica, visiva, sonora, olfattiva), come dire che sei te stesso quando non sei in te stesso; la nostra mente ha un bisogno vorace di esperienze che le impediscano di star ferma, non ci ingannino le esperienze di quiete, nella quiete troviamo sensazioni, percezioni, altri stimoli anche intensi

la mente è un accadimento biologico e culturale potente, pensare noi stessi è pericolosamente incestuoso, nascono pensieri abnormi, siamo predisposti a guardare là fuori, non qui dentro

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a là fuori

  1. poetella ha detto:

    … solo se là fuori è bello, però
    se no, meglio qui dentro

  2. Verissimo e sperimentato personalmente !

    • diegod56 ha detto:

      difatti cara Marina avevo anche in mente un passaggio del tuo testo «voglio arrivarci viva» dove descrivi queste sensazioni legate ai lunghi silenzi legati alle circostanze terapeutiche; tra l’altro il libro l’ho prestato e non posso citare il passo esatto

  3. Papillon1961 ha detto:

    Ci sono entrambe le fasi. Bella riflessione comunque.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...