A fantèla de ciassa Brin

Molti anni fa, un’estate, il mai abbastanza apprezzato Armando Bonazzi, sotto la pergola della casetta che avevo in Val di Vara, mi dettò questa che è una delle sue poesie più belle. Non so se è stata edita altrove, forse sì, ma questa è una versione dettatami da lui personalmente (e quanta attenzione agli accenti!). Il mio dialetto spezzino sicuramente lascia a desiderare, ma ho voluto osare questo mio omaggio ad un amico che non c’è più. Piazza Brin è la bella piazza del quartiere umbertino, dove l’anima popolare era assai ben rappresentata. In fondo c’è la traduzione in italiano.

 

A fantèla de ciassa Brin

A la miàvo passàe tüte e matìn,
còa sporte stréta ’nte na man;
l’andàva ’nt’i negòssi de ciàssa Brin,
a catàe o late e ’r pan.
A l’aspetàvo là, ’nte na banchina,
setà de bon’óa, pog’assè ’nfüsicà;
a me demoàvo cói piciòn, a o diò,
pe’ no fae a fegüa d’o… tananò!
Ma quando a la vedevo dar cantón spüntàe,
cóo sé passo svèrto, o lüngo gonelón,
l’èa come s’i m’avésse San Péo aravèrto,
der paradiso tüti i sé portón!
Bèla, de na beléssa mòa,
con dói oción ch’i te reméno ’n lèto:
labréti rossi, cavèi arìssi,
ch’a contàla la pè paée na fòa;
e manco a mente dae aa vita stréta,
ai tetìn ch’i ghe sponciàavo,
berechìn, a sé magéta!
La me miàvae me a la miàvo;
’nti òci ’n gran déscorso i gh’éa,
de basi, de caésse, enfin aa séa.
“Ciao” cóa manina la me fava,
prima d’entràe, alèsta, ’nt’er portón,
me a ghe refàvo ’n “ciao” da… belinón,
e lé la s’arìdeva e la scapàva…

A guèra, e bonbe, e ca derocà,
tüti a n’avémo passà dee bèle,
per védee de sarvasse armén a pèle,
ma ’r mé chèe i éa aremàsto… là!
Dopo tanti ani a l’ho revista,
co’ ’n fantìn tegnü péa man;
l’andava a catàe o late e ’r pan.
L’éa lì, a dòi passi, bèla, ciü d’alóa;
a vose, st[nco, la m’è spaì… ’nt’a góa!
“Ciao” la m’ha fato, alèsta, dar portón,
e me a gh’ho refàto ’n “ciao” da… belinón!

 

La ragazza di Piazza Brin. La guardavo passare tutte le mattine, / con la sporta stretta in una mano; / andava nei negozi di Piazza Brin, / a comprare il latte e il pane. / L’aspettavo là, in una panchina, / seduto di buon’ora, alquanto confuso; / mi trastullavo con i piccioni… lo dirò, / per non fare la figura del… tonto! / Ma quando la vedevo dall’angolo spuntare, / con il suo passo svelto, il lungo gonnellone, / era come se mi avesse San Pietro aperto, / del paradiso tutti i suoi portoni! / Bella, di una bellezza mora, / con due occhioni che ti rigirano nel letto; / labretti rossi, capelli ricci, / che raccontarla puo’ sembrare una favola; / e non dar retta alla vita stretta, ai capezzoli che le spingevano, / birichini, la sua maglietta! / Mi guardava e io la guardavo; / negli occhi un gran discorso c’era, / di baci, di carezze, fino alla sera. / “Ciao” con la manina mi faceva, / prima di entrare, svelta, nel portone; / io le rifacevo “ciao” da… stupido, / e lei rideva e scappava… / La guerra, le bombe, le case diroccate, / tutti ne abbiamo passate delle belle, / per vedere di salvarci almeno la pelle, / ma il mio cuore era rimasto… là! / Dopo tanti anni l’ho rivista, / con un bambino tenuto per mano; / andava a comprare il latte e il pane. / Era lì, a due passi, bella, più di allora; / la voce, stecchito, mi è sparita in gola! / “Ciao” mi ha fatto, svelta, dal portone, / ed io le ho fatto un “ciao» da… stupido!

 

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale, momenti e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a A fantèla de ciassa Brin

  1. Sara ha detto:

    Bellissima, mi sembra di vederli entrambi. Spezia mi e’sempre piaciuta!

  2. poetella ha detto:

    che delizia!
    Bravo Diego…
    Hai fatto qualche pasticcetto… ma ti si perdonano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...