il sottile scarto

Quale è il vero motore? La molla dolorosa, carica, del pupazzo, che si muove non perché lo vuole, ma perché il suo congegno interno lo obbliga. Per quanto l’educazione ci abitui all’idea d’esser padroni di noi stessi, quel sottile scarto, un piccolo continuo senso di smarrimento non ci lascia mai. Annegare nei colori, nei suoni di buona musica lieve, nel tepore del sole al tramonto. Vivere bene è saper sfuggire, anche solo il tempo di tre respiri, al sottile scarto fra noi e il nostro accadere. Oppure esserne radicalmente coscienti, e ridere, sul ciglio dell’abisso. Se non siamo, è insensato aver paura.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironie cromatiche. Contrassegna il permalink.

2 risposte a il sottile scarto

  1. Grazia Bruschi ha detto:

    notevole riflessione

  2. diegod56 ha detto:

    si cerca di mettere insieme due righette che abbiano un minimo di senso, cara Grazia, nel mare di parole inutili dove ci tocca navigare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...