un etto di quello buono

Luce lattiginosa obliqua, ruotano le braccia larghe del ventilatore al soffitto. Dietro al banco e davanti al banco, la vecchia cliente e la bottegaia in grembiule scherzano. Quasi oscene le allusioni alla forma erotica di certe golose paste. Orecchini vistosi sulla pelle grinzosa non poco, e voglia di ridere. Un po’ sboccate come ragazzine in camera, in collegio, mentre la suora non c’è. C’è un signore che sente, stiamo più attente, ironia nell’indicarmi. Un etto di prosciutto di quello buono, signora, e fate bene a scherzare, con tutta la vita che portate in spalla. Sarà sessista pensarlo, ma le donne sono di molto meno noiose dei maschi, invecchiando.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in momenti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a un etto di quello buono

  1. Sara ha detto:

    Spero di essere anch’io cosi’ tra qualche anno.

  2. popof1955 ha detto:

    E spesso non so come relazionarmi ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...