non assomiglia quasi mai

Guarda una foto del tuo volto. Ti somiglia? Sì certo, la forma del viso, l’altezza degli zigomi, il taglio della bocca. Il collo esile o possente, il bel nasetto alla francese oppure un bel naso importante, orgoglioso della possente gobba. Infinite combinazioni, come un gioco di mille incastri. Certo sei tu, nella foto. Ma non sei proprio tu, è solo la tua foto. Non siamo la nostra foto, siamo la nostra storia. Un estraneo che vede la tua faccia non vede quel che senti, la tenerezza abissale delle prime materne carezze, i pomeriggi d’estate all’ombra del tinello con le persiane chiuse, l’odore del primo caffè d’orzo della nonna. Non c’è nella foto la nostalgia struggente del primo amore d’estate, al suono dei coribanti grilli, denso odore di pelle e cotone a fiori del vestito. Per questo ci piacciono quei volti che sembrano raccontare, un po’ bruciati dal sole, decorati dal segno sottile d’antica ferita, sono volti che credi di leggere. Ma un viso normale, anche grazioso di giovine signora, non assomiglia quasi mai alla sua vera storia.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale, momenti. Contrassegna il permalink.

5 risposte a non assomiglia quasi mai

  1. Solo dallo sguardo puoi capire lo scorrere del tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.