magari io sono ignorante, ma…

Magari io sono ignorante, ma a questi punti, non sarebbe meglio che la Grecia uscisse dall’euro una buona volta e dicesse chiaro «non pago i debiti»?

Tanto da questo casino non se ne esce, allora si stampa la sua nuova dracma con l’effige di Socrate e la si mette in busta paga agli statali e nelle pensioni, e buonanotte al secchio.

Svalutazione del 60%? pazienza, è come se ci fosse stata la guerra, si riparte da dove si è, è inutile pensare di far giocare l’Entella (con tutto il rispetto e l’amore che ho per Chiavari) in serie A.

Ripeto che sono ignorante, ma a me pare buon senso.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

11 risposte a magari io sono ignorante, ma…

  1. lois ha detto:

    Non so se si tratta di ignoranza o buonsenso, ma di certo quello a cui stiamo assistendo è il solito siparietto … con palese tradimento della volontà popolare!

    • diegod56 ha detto:

      certo, a pagare sono sempre i meno ricchi, ma qui tanto sembra che siano comunque lacrime e sangue, e allora…

      ovviamente, buon lois, son questioni complesse, ma io mi domando se non valga la pena di far corrispondere i numeri alla realtà;

      • lois ha detto:

        sono d’accordo, la verità è che, come sempre, la politica e l’economia sono completamente staccate dalla realtà e a pagare sono sempre e solo i più deboli.

  2. tramedipensieri ha detto:

    Per caso ho letto questo…..così tanto per aggiungere nero su nero…http://www.sardegnablogger.it/la-truffa-delle-banche-tedesche/

    A che serve l’Europa Unita. A me pare che si è messa in evidenza, ora più che mai, la sua dis-unità. Allora tanto vale che ognuno pensi per sè.

    • diegod56 ha detto:

      grazie cara trame, in effetti c’è del vero in quella riflessione, anche se, in modo parziale, il debito verso quelle banche era stato tagliato, ciò non toglie che la «socializzazione» delle perdite c’è comunque stata

  3. Pasquale D'Ascola ha detto:

    Caro Diego e tutti i commentatori,
    Padoa Schioppa scrisse anni fa un saggetto di poche pagine chiare, titolo che non rammento, per i non addetti al lavoro di far fuori il senso comune con l’esoterismo dei numeri, numeri che dovrebbero appunto adattarsi alla realtà, dici bene. Ma il mondo lo si fa andare apposta alla rovescia. ( Se ci pensi Diego quella del numero è idolatria dello spirito- anche santo- contro la carne, è volersi sentire a tutti i costi cervelli, “calcoleurs” invece che bricoleurs che usano il regolo quando occorre – si cfr. volendo il mio http://dascola.me/2015/07/14/boycott/ e http://dascola.me/2015/07/07/el-marchion-di-gamb-avert/). Scriveva lo Schioppa che virtuale sarebbe stata l’Europa finché sarebbe stata un semplice prestigioso condominio, classe AA finiture di lusso box interrati, che discute di tutto senza che ci sia altro che un nulla da discutere, senza che ci sia un essere comunità da costruire tutti i giorni, una Costituzione, un desiderio di etica ( nel senso di Jung), una rincorsa civile al di sopra di tutto, un desiderio politico. Quella temperie che si tentò di consolidare e consolidire in Italia dopo la guerra. Ricorderai tu le lezioni di 25 aprile immagino, di Risorgimento, di Manzoni politico. ( Del resto tutti pensano che le relazioni avvengano e poi stiano incollate lì come pietre su una corona, minga vera, le relazioni sono frutto di un lavoro costante tra e delle parti, bisogna custodirle e volerle, nessun matrimonio, nemmeno e men che meno per il sesso, sta in piedi per volere di un dio qualunque, tranne appunto i matrimoni di interessi). Scriveva lo Schioppa che fantasma sarebbe stata l’Europa finché non si fosse costituita per lo meno in un facsimile della Confederazione svizzera. Che nacque da un lotta, da un’idea, da un desiderio, da una voluttà politica contro appunto l’esoterismo dei trattati dei potentati senza stanzialità terrena. Gli Absburgo erano dei tera brusada, oltre che dei senza terra quindi mi piglio quella che più mi piace, come molte familie regnanti ( da qui la profonda differenza tra una polis e uno stato e tra una repubblica e una monarchia). Gli svizzeri nascono contadini terragni in armi per difendere l’orto ( i confini sono muretti di pietre a secco per difendere la vigna, la vacca, le patate, il grano), non banchieri, non feudatari, non latifondisti per grazia di dio; anzi è la stessa grazia denaturata, decorporata di dio che lo svizzero non vuole, lo svizzero rappresenta il dove nasce e muore e il come ( si rileggano le pagine svizzere di Canetti in La lingua salvata.) Tanto che ancora oggi l’attenzione del governo elvetico è tanta per le malghe e i pascoli. Non propongo la Svizzera quale esempio di virtù todo modo, ma è per intendersi. Del resto lo vedi, l’Europa non ha non è, appunto, politica, nemmeno come 52° stato dell’Unione ( stante che il 51° è l’Inghilterra). È meno a dire il vero di un’espressione geografica. Ahh Napoleone Napoleone… Abbracci P.

  4. diegod56 ha detto:

    commento magnifico, in effetti allora Hegel quando vide passare Napoleone era un po’ illuso

  5. Prof. Woland ha detto:

    Caro Diego,
    io non credo sarebbe una buona idea. Intanto quando hai un creditore ti trovi sempre dinanzi ad un bivio: strozzarlo e perdere tutto o consentirgli di riprendersi nella speranza di riavere qualcosa? Un giorno di turbolenza (una settimana fa) è costato ai mercati 100 miliardi. Figuriamoci cosa potrebbe accadere con uno tsunami. 100 miliardi risolvono i problemi della Grecia. Insomma la questione è solo politica. Il buon senso qui c’entra poco e semmai suggerirebbe di aiutare la Grecia visto che i suoi debiti ammontano all’1,8% del pil europeo.
    Però chissà quanti aspetti mi sfuggono.

    • diegod56 ha detto:

      in effetti, caro Prof. W., ha ragione sul fatto che in definitiva la Grecia è «piccola» e quindi il problema si potrebbe risolvere «politicamente», anche se ho la sensazione che dopo un po’ saremmo punto a capo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...