demografia ligure [in guisa di poesia]

Quanti capelli bianchi, quanto pochi i bambini, nei cortili. Questa terra inclinata sul ciglio del mare, così bella ed aspra, è diventata un rifugio di vecchi. Peraltro anche belli, la pelle rugosa al sole, le mani nodose ancora intente alla cura degli orti. Non sono un male i vecchi, sono poesia scavata con durezza nei corpi dalla ruota del tempo. Ma i bambini? Dove sono le vite fresche, che saltano e gridano nei cortili, che ridono e piangono, che aspettano il loro tempo adulto d’andar per mare? Dove sono le bimbe appena appena cresciute, che cominciano a sognare un segreto amore? Quanti capelli bianchi, quanto pochi i bambini, nei cortili.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a demografia ligure [in guisa di poesia]

  1. I bambini sono pochi e stanno rintanati in casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.