se, dentro, il tempo s’è fermato [recensione]

Un regista di sicuro pregio, un film di gran classe. La vicenda, che inizia nella Cina della rivoluzione culturale, è piuttosto semplice: un professore, internato come «borghese», torna a casa, riabilitato dal partito, nel nuovo clima post Mao. La moglie non lo riconosce, ha perso la memoria, e questi tenta di risvegliarla dal limbo in cui si trova. Non scrivo altro, per non sottrarre curiosità allo spettatore.
Anzitutto una fotografia affascinante, giocata su immagini desaturate, quasi un bianco e nero, dove spiccano le macchie dei drappi rossi, dei distintivi con l’effige del grande timoniere sugli abiti, le famose egualitarie tute. Secondo me, nell’eleganza dell’evocazione, nonostante i tratti drammatici della vicenda, trapela una sorta di nostalgia, un sottile rimpianto per un mondo dai colori misurati, lontano dalle immagini del rutilante consumismo, della Cina divenuta il vero erede dell’occidente più estremo. Nostalgia estetica, non altro, ma a mio avviso essenziale nella poetica del film. Alcune scene di balletto sono un magnifico tributo a quell’estetica «socialista». Altro tema essenziale è la questione del tempo, o meglio del tempo «bloccato» nella mente della protagonista. Ogni giorno è il giorno «5», quello in cui lo sposo dovrebbe tornare col treno, e per Gong Li (la moglie) ogni giorno è «quel» giorno, il tempo si è fermato, la sua mente ha perso la capacità di situarsi nello scorrere reale del tempo.
Un cinema molto composto, fatto di sequenze lunghe (anche se alcune scene dinamiche e drammatiche sono girate con potenza ed efficacia). Un film che è cinema, finalmente, e non isterico battibecco da fiction televisiva.

Lettere di uno sconosciuto
titolo originale «Gui Lai»
Regia Zhang Yimou
Cina, 2014

Se piace il giochino delle stelle: ****

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in suggerimenti e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...