il dubbio della libertà

Sono assolutamente certo che la libertà di parola sia un caposaldo della democrazia.

Ma qualcuno scrisse anche che «le parole sono pietre».

Chi stabilisce se è giusto o ingiusto impedire a qualcuno di scagliarle?

Non ho una risposta definitiva al dubbio.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale. Contrassegna il permalink.

15 risposte a il dubbio della libertà

  1. tramedipensieri ha detto:

    …e pietre vanno “sputate”…non possono in ogni caso stare dentro…

    Penso eh…di definitivo anche io ho poco

    • diegod56 ha detto:

      verità definitive su questi argomenti è ben difficile averne, si puo’ avere al massimo un direttrice fondamentale, ma non esaustiva d’ogni dubbio o accadimento

  2. Sono giorni che ci rifletto…

  3. filippopergolizzi ha detto:

    Il problema non è tanto la libertà di parola, ma la sottile linea che trasforma la parola in giudizio. In questi giorni abbiamo visto scendere in campo tanti paladini del diritto d’espressione, ma nessuno sembra prendere in considerazione il giudizio sfottevole (fammi passare il termine) delle culture di alcuni popoli che non sanno muovere la bocca al pari delle mani quando si tratta di difendere ciò che crede sia giusto. Come decidere cosa è giusto o sbagliato? Non credo di essere così illuminato da potermi esprimere al riguardo, ma posso sicuramente dire che ogni giorno diventa sempre più difficile riuscire a schierarsi senza risultare ipocriti.

  4. Julo d. ha detto:

    Qualsiasi libertà senza coscienza e senza rispetto per gli altri non è altro che violenza, legge della giungla che porta alla morte della libertà stessa

  5. dafnevisconti ha detto:

    difficilissima questione, ma doverosa

  6. kalosf ha detto:

    E questo dubbio, ci piace…

  7. diegod56 ha detto:

    caro Julo, cara dafne e caro Kalosf, mi pare abbiate inteso il senso delle mie parole, problematiche e non risolutive

    certamente, caro Julo, gli eccessi non giovano ad una pianta delicata come la libertà

  8. poetella ha detto:

    i commenti non li leggo. Ché non ho tempo, adesso.
    ma… quella virgola dopo “io”… la leverei.
    :-(

  9. E’ difficilissimo, davvero, nella pratica, stabilire i confini della libertà. Perché i confini ci sono, lo vedi con i figli. Ma le parole… non so. Ovviamente ci sono parole che a me personalmente piacerebbe non sentire mai, ma per ognuno di noi forse l’inaccettabile ha un colore diverso. E comunque, anche quando le parole sono pietre, non lapidano (sebbene qualche volta possano ferire in profondità). E poi forse ha ragione anche chi dice che, per quanto molti di noi si pongano (sperabilmente da sé) dei limiti a quanto dicono, forse è giusto anche che esista qualcuno che questi limiti non se li pone, che provoca, irrita, magari si attira l’odio ma fa anche pensare. Non so, anche i miei sono dubbi. Il rispetto per gli altri è questione importante, delicatissima e spinosa. Perché se si provoca, se lo scopo è provocare (anche il pensiero, il dubbio), dove sta il limite? Quand’è la presa in giro diventa giudizio? Però impedire a qualcuno di scagliare parole scagliandogli contro pietre o colpi di mitra, io continuo a trovarlo ingiusto. Per il resto, non vorrei schierarmi a nessun costo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...