il ritmo

Vivere è bellissimo, ma come in una musica, occorre andare a tempo. Scegliere un tempo non troppo svelto, è essenziale. L’orologio segna i minuti, ma il corpo segue il ritmo del giorno e della notte, delle lente stagioni. Saper aspettare è una qualità un po’ perduta, nell’era della fibra ottica, dobbiamo imparare di nuovo, e riagguantare il vivere. Che è bellissimo, se è giusto il tempo.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale. Contrassegna il permalink.

11 risposte a il ritmo

  1. poetella ha detto:

    chissà se tornerò mai a convincermene. Che è bellissimo, dico… che, per adesso…

  2. Julo d. ha detto:

    Seguire il tempo significa anche e soprattutto vivere il qui e ora. Siamo talmente pre-occupati dal futuro o rimpiangenti il passato che ogni istante inciampiamo nel presente. Il guaio è che non ce ne accorgiamo neanche :-(
    Carpe diem, l’abbiamo dimenticato, purtroppo. E i risultati si vedono.

    • diegod56 ha detto:

      in effetti vivere il presente con calma è importante, caro Julo, anche se il presente è sempre un po’ impregnato del passato e dell’aspettativa del futuro

  3. Pannonica ha detto:

    l’importante è tenere il tempo in levare ;)

  4. libera.mente ha detto:

    anche un pò zoppicanti in sei ottavi cercheremo di non essere inseguiti dal tempo ma di seguirlo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...