ti rende lieve

Una purezza m’attrae, la sera, tornando a casa tardi. Quartiere vuoto, silenziosa la scuola, silenziosa la chiesa, chiuse le serrande dei negozi. Sento i miei passi sull’asfalto e l’aria fresca sul viso. Quanto è profonda la solitudine di un uomo? Per quanto ognuno s’illuda d’esser parte dell’umana avventura, come se i grandi collettivi accadimenti fossero i suoi, ognuno è immensamente solo. Io sono solo io. Efficace trompe-l’oeil da qualche parte del groviglio di sinapsi, illusione di essere qualcuno, perchè questo corpo cammini e pensi di esistere. Ma nel silenzio, nella purezza della notte, avverti quel nulla che sei, un po’ fa paura ma, a pensarci bene, ti rende lieve, evanescente, finalmente libero.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a ti rende lieve

  1. dafnevisconti ha detto:

    Comprendo molto bene il momento in cui quella piena consapevolezza diventa libertà. Lo hai ben descritto. A presto

  2. kalosf ha detto:

    La solitudine esiste in quanto pienezza… Ecco perchè in fondo essa “ti rende lieve…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...