supplenze

Mais ou sont les neiges d’antan?
(F. Villon)

Le supplenze saranno abolite. Forse è giusto. Ma nel ricordo nessuno le puo’abolire. Le giovani supplenti sono state, per noi ragazzini, imprigionati nelle cupe classi di soli maschi, i primi oggetti delle fantasie erotiche. Bastava una gamba accavallata, sotto la cattedra, per nutrire settimane di nascoste fantasie. Oggi, care supplenti del tempo che fu, se ancor siete vive, di sicuro siete vecchie professoresse in pensione, un po’ scassate. Tranquille: il tredicenne brufoloso di allora, non v’ha mai dimenticate.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale, momenti. Contrassegna il permalink.

7 risposte a supplenze

  1. Sara ha detto:

    Anche “noi femmine” di solito eravamo contente, le supplenti erano giovani e per questo motivo un po’più vicine a noi, rispetto alla titolare. Spesso ci insegnavano con metodi nuovi, forse il fatto di essere precarie le obbligava ad essere più aggiornate.

    • diegod56 ha detto:

      cara Sara, io son così vecchio da aver fatto le medie in una classe solo maschile

      certo, le persone giovani ravvivano la scuola, sono d’accordo

  2. mariella1953 ha detto:

    peccato non aver avuto un bel supplente maschio per sognare!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...