grande jazz in un piccolo parco

Piccolo parco nella periferia est. Dal buio, nello spazio ricavato fra gli scivoli dei bimbi e il bel chiosco di legno, ecco la musica. Jazz rilassato e sapiente, talvolta screziato di Sud America, oppure intinto nelle musiche immortali scritte nella prima metà del ’900, oppure, ancora, rappreso con eleganza nella canzone d’autore. Il clima è intimo, familiare, l’acustica e le luci sono perfette (la mano d’un organizzatore di qualità è di grande aiuto alla musica). Leo Ravera al piano, Andrea Imparato al sax e al flauto, Liliana Biciacci la cantante. Nel pomeriggio l’amico organizzatore, Stefano, m’aveva avvertito: stasera canta una voce di grande livello, e aveva ragione. Voce vellutata, elegante, usata come uno strumento che ti cattura all’ascolto. Sul piano di Leo Ravera avevo ben pochi dubbi. Discreto, perfetto, grandissima tecnica che non tracima, mai una nota in più, mai una nota in meno. È un uomo dall’aspetto colto, come grande è la sua preparazione musicale, da lui sgorga un fraseggio limpido, a volte finemente allusivo, insomma qualità assoluta. Andrea è la musica, la fisicità del sax e del flauto, la gioia increspata di melanconia del suonare, sono tutt’uno con la sua persona. Ci conosciamo da molti anni, e lui più invecchia più è fresca la sua musica. Musica ripresa anche da lontano nel tempo e che rivive il suo presente con fragranza sempre nuova. Consiglio vivamente i due album incisi da Andrea Imparato con Leo Ravera ed altri pregiati musicisti: «Dear Legacy» e «Jazzola!». Ho girato un video di alcuni passaggi della serata. Chiedo scusa per la qualità amatoriale, soprattutto chiedo scusa alla Musica.

Aggiungo in calce a questo post una bella pagina di analisi musicale e culturale che Leo Ravera ci offre sul suo sito

http://www.leoravera.it/2013/12/16/john-coltrane-my-favorite-things/

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in suggerimenti, video autarchici e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a grande jazz in un piccolo parco

  1. tramedipensieri ha detto:

    Bravissimi!
    Non li conoscevo….ho ascoltato solo il primo brano, domani continuo…e quello che cattura il mio ascolto…lo porto sul mio blog…

    Grazie

    • diegod56 ha detto:

      grazie trame cara, in effetti è un video girato da me, quindi amatoriale anche nel sonoro

      andrea imparato è un musicista di grande personalità, direi che, per quanto conosciuto, avrebbe meritato riconoscimenti anche maggiori, e non è solo jazz, lui è musicista «totale»

      e poi è un vecchio amico, da almeno 40 anni…

  2. mariella1953 ha detto:

    Bella musica ,per ora ho ascoltato due pezzi e mi sono piaciuti ,il jazz è un genere che conosco pochissimo….
    Un ciao dall’altra estremità !

    • diegod56 ha detto:

      tieni conto della registrazione amatoriale…

      comunque questo è un jazz che riprende spesso «canzoni» anche conosciute, non è di tipo «cerebrale»

      ho parenti ed un carissima amica a imperia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...