nomade

«Prevedo che il viaggio durerà almeno tre mesi: tre mesi lontani dal mondo, tre mesi senza aver notizie di quello che succede a casa. Per i miei compagni è la prima esperienza: li vedo un po’ turbati e perplessi. Io al contrario sono felice: nomade per natura, non amo il cosiddetto vivere civile: mi ci adatto perché non posso farne a meno, perché è in certo senso il mio carma, ma quando ne esco sono contento come un ragazzo che marini la lezione. Fra i monti e gli alberi e la campagna mi sento a miglior agio. Ho sempre considerato la casa una specie di prigione, l’inevitabile punto di raccolta di tutte le noie e di tutti i fastidi e di tutti i dolori. Ma l’autista interviene e interrompe il filo dei nostri pensieri: ci pone al collo grosse ghirlande di bianchi fiori profumati e ci augura buon viaggio. Scambi di namas te (“m’inchino a te”, il saluto che si usa in India) e poi eccoci soli sui sentieri del Nepal.»
(Giuseppe Tucci, Fra giungle e pagode, Newton Compton 1996, prima ediz. 1953, pag. 48)

Certamente è un privilegio avere una casa, con l’acqua corrente calda e fredda, riscaldata d’inverno e dotata dell’energia elettrica. Sarebbe offensivo verso i molti umani che, profughi e preseguitati, le case le hanno dovute lasciare, non apprezzare tutto ciò. Eppure l’uomo è, nel profondo della sua filogenesi, nomade, errabondo e, probabilmente, sociale ma solo per piccoli gruppi. Perfino uno stanziale plantigrado come me, ama uscire nell’aria fresca del mattino e poter (capita di rado ahimè) vagare senza meta precisa e senza orari. Bella la civiltà, ma c’è sicuramente una torsione delle profonde umane attitudini.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a nomade

  1. Raul Bucciarelli ha detto:

    L’ha ribloggato su daisuzoku.

  2. Si, viaggiare per un po’ mi piaceva, ma poi di nuovo a casetta mia.

  3. poetella ha detto:

    io, invece …me ne andrei.
    E non tornerei più. Ma…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.