a questi punti

Non esiste il problema di morire. Esiste il problema di noi stessi, troppo consapevoli di esserci. Il problema è l’eccessiva coscienza, la sovrabbondanza di pensiero innestata in un corpo del tutto simile a quello degli altri mammiferi. A questi punti, se a quest’abisso non c’è rimedio, conviene sfruttare al massimo la disgrazia/fortuna d’esser uomini e godere di quel che solo gli uomi sanno inventare. Per esempio la musica.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale. Contrassegna il permalink.

9 risposte a a questi punti

  1. Pannonica ha detto:

    hai ragione, non siamo in grado di gestire tutte le informazioni che costantemente ci bombardano alla velocità eccessiva dell’era digitale. siamo macchine arcaiche, il nostro cervello è lo stesso da migliaia di anni ma deve adesso gestire una enorme mole di dati: è come voler usare un foglio excel con un commodore 64… impossibile!!!
    Viva la musica, sempre: un linguaggio universale alla portata di tutti. :)

    • diegod56 ha detto:

      grazie del bel commento così efficace e schietto; sulla questione del «linguaggio universale» sono d’accordo, anche se a mio avviso perfino questa definizione è riduttiva, perchè la musica non è solo un linguaggio capace di veicolare sentimenti e protensioni umane con grande efficiacia, è «essa stessa» giustificazione di se stessa, in qualche modo la musica è un piacere «in sè» un evento che si autogiustifica

      • Pannonica ha detto:

        Come darti torto? Tentare di definire la musica è fuorviante perché la definizione, per sua stessa natura, è limitante perché de-finisce, ingabbia. E poi, come diceva Frank Zappa, parlare di musica è come ballare di architettura!! Un saluto

  2. poetella ha detto:

    Io sceglierei sicuramente l’Adagietto di Mahler…

  3. Filippo Scuderi ha detto:

    Mi permetto di trascrivere un aforismo del grande Ludwig van Beethoven;
    “La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza e filosofia. Chi penetra il senso della mia musica potrà liberarsi dalle miserie in cui si trascinano gli altri uomini”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...