conservale

Casa come quinta teatrale della storia d’una vita. Ti vidi uscire dalla porta della tua camera a quattro zampe, un riccioletto sulla testa tonda, due dentini. Quando torni ogni tanto a casa, nello stesso spazio, davanti allo stesso specchio, ora vedo uscire la giovine donna. Grandi occhi, femminilità elegante e sincera. Siamo rami dello stesso albero, o forse siamo alberi dello stesso bosco. Identità e differenza, è questo equilibrio che consente il cammino. Se vuoi bene al tuo vecchio babbo, è buona cosa. Ma per farlo contento, ama te stessa, soprattutto, perchè il vecchio ramo diventerà buon legno, magari una croce o quel che si preferisce scolpire. Certo, è un rapporto dialettico, siamo uniti e distinti, si chiama amore a dirlo in modo semplice. Io sono nelle parole scritte, conservale, questo sì.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in momenti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a conservale

  1. dafnevisconti ha detto:

    uniti e distinti, una sensazione bellissima, lo scopo ultimo, forse, dell’esistenza

    • diegod56 ha detto:

      grazie dafne

      certo «uniti e distinti» è il cuore del rapporto; ovviamente è anche un equilibrio da coltivare con attenzione, perchè io penso che un figlio debba sempre «andare oltre» il proprio genitore, in un rapporto dialettico, bello ma complesso

  2. Biuso ha detto:

    Caro Diego,
    devi davvero amare molto tua figlia.
    È una ragazza fortunata.

    • diegod56 ha detto:

      Caro Alberto, il problema di noi padri credo non sia, in genere, il non riuscire ad amare i nostri figli, ma l’amarli nel modo sbagliato, nel modo possessivo; bisogna amarli ma rispettarli, amarli senza usare un egoismo camuffato d’amore, errore nel quale è facile cadere; un figlio non ti appartiene, la sua vita è sua, nel piacere ma anche nella responsabilità

      non sono un padre perfetto, ma volenteroso, sì

  3. vetrocolato ha detto:

    L’amore di un papà

  4. vetrocolato ha detto:

    E si, hai ragione. Io sono figlia. Minore per giunta. Leggero volentieri il tuo consiglio letterario. Spero di vederti sul mio blog. Buona giornata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...