un giorno

Sarà davvero molto bello, per me, non pagare la prima rata dell’IMU. Del resto grazie a ciò aumenterà l’aliquota IVA ed io, probabilmente, chiuderò la baracca. Un giorno i nostri figli ci malediranno per il deserto che abbiamo lasciato in eredità.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in ironia culturale. Contrassegna il permalink.

9 risposte a un giorno

  1. lector ha detto:

    Purtroppo stiamo scivolando verso un punto di non ritorno.
    E’ per questo che ce l’ho particolarmente con Berlusconi. Aveva una maggioranza con la quale poteva fare ciò che voleva, modificando l’intera struttura di questo paese in senso finalmente moderno. Invece, s’è rivelato (probabilmente lo è sempre stato) solo un farabutto imbonitore, che si è circondato di ladri, idioti incompetenti e puttane, impegnandosi esclusivamente a farsi gli sporchi fatti suoi.
    Così il paese è rimasto di fatto nelle mani di una sinistra burocratica e ancora intrisa di vetero marxismo, profondamente nemica della libera impresa e dell’iniziativa privata, che da decenni oramai (sinistra dc + vecchio pc poi pds, poi ds poi pd) gestisce vergognosamente la cosa pubblica al solo fine di garantirsi la continuità del potere, distribuendo senza ritegno posti pubblici e sinecure varie agli amici degli amici grazie al prelievo fiscale su famiglie e imprese.

  2. lector ha detto:

    Purtroppo, anche una sinistra “seria”.
    Se la nostra classe politica, in genere, non fosse stata composta in prevalenza da arraffoni, avremmo potuto godere negli anni di una salutare alternanza e di una conseguente dialettica costruttiva tra parti (una “destra”storica morigerata, nel momento in cui fosse opportuno fare economia e privilegiare il risparmio delle famiglie e l’investimento esclusivamente privato, a cui si alternasse una “sinistra keynesiana” quando invece risultasse preferibile incentivare la spesa pubblica e la redistribuzione sociale del reddito).
    Invece da noi è sempre prevalsa la filosofia dello “assalto alla diligenza”.
    Poiché la difficoltà del gestiste la cosa pubblica consiste proprio nel celebre detto “quis custodet ipsos custodes”?, due parti politiche “serie” si sarebbero vigilate reciprocamente impedendo i rispettivi abusi.
    Invece, il Italia, da sempre vale il motto “con Franza o Spagna, basta che se magna”.

  3. lector ha detto:

    Ho votato anch’io PD alle ultime amministrative della mia città.
    Non ho pregiudizi ideologici o, almeno, faccio di tutto per non averne. Voto le persone e valuto le idee, non le ideologie, a cui non credo e in nome delle quali si sono commessi crimini spaventosi.
    Il fatto è che, nella mia esperienza professionale, ne ho viste – molto da vicino – di tutti i colori, sia da una parte che dall’altra.
    Dunque, quando odo le accuse reciproche, non riesco proprio a non pensare all’evangelica “prima pietra”

  4. diegod56 ha detto:

    «Il fatto è che, nella mia esperienza professionale, ne ho viste – molto da vicino – di tutti i colori, sia da una parte che dall’altra.»

    infatti, buon lector, son contento di fare un altro mestiere…

  5. redpoz ha detto:

    credo quelli al di sopra dei 6 mesi già ci stiano maledendo per i prossimi anni che gli faremo scontare…

    la mia unica, magrissima, consolazione è che con questa “riforma” il PDL e B. non hanno più scuse per far cadere il governo: dovranno dire qual’è la vera ragione.
    spero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...