la musica dell’amicizia

Amici da poco tempo. Eppure quattro parole sull’autobus, mentre scorre la città e da periferia diventa centro, e mi sembra di sentire quella musica. Musica senza suono dei pensieri accomunati, sintonia del gustare, temere, ricordare, fuggire, i nostri giorni. Legge molti libri, questo nuovo amico. Ne parla con passione, prima della sua fermata, prima di scendere fra la gente indaffarata. Ma non è nuovo, nuovo amico, la cronologia non coincide con la percezione della vicinanza. Un amico è amico da sempre, anche da quando non c’era.

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in momenti e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a la musica dell’amicizia

  1. poemonapage ha detto:

    Mi piace questa ri-considerazione dello spazio-tempo legato all’amicizia… (:

    Un abbraccio,
    Paola

  2. dafnevisconti ha detto:

    E’ vero, molto molto bello il tuo pensiero ed anche confortante, significa infatti che in ogni momento della vita si può ricevere un arricchimento del suo senso generale, al di là del passato.

    • diegob ha detto:

      in ogni momento cara dafne, anzi direi spesso proprio nei momenti «non ufficiali» possono esservi incontri e rapporti densi d’interesse

      il passato conta, ma non deve sovrastare il futuro

  3. “Un amico è amico da sempre, anche da quando non c’era” … un amico è amico “per sempre” anche quando non ci sarà

  4. Prof. Woland ha detto:

    Caro Diego, il suo delicato post mi fa tornare alla mente che nel famoso dialogo De amicitia Cicerone mette alla base di questo sentimento (che per i romani era soprattutto inteso come solidarietà sociopolitica) virtus e probitas. Chissà se i nostri politici e amministratori hanno mai letto Cicerone?

    • diegob ha detto:

      mi pare un ottimo suggerimento di lettura, il dialogo di Cicerone, caro prof. W.
      credo sia impossibile per chi è malvagio provare amicizia per qualcuno

  5. Boh ha detto:

    Che verità semplici e universali che dici. Un vero Amico è per sempre, già c’era e, forse, ci sarà per sempre. Come dice Tucci (perdonami se mi rifaccio a lui), c’è un legame speciale che c’era nelle altre vite (e ci sarà comunque) per cui uno si riconosce. Si chiama tendel.

    • diegob ha detto:

      cara boh, dopo il grande libro sul tucci a tutto tondo, non sarebbe male un librettino sulle sue riflessioni, e di certo la persona più adatta a scriverlo sei tu

  6. Boh ha detto:

    Vediamo Diego, grazie. Sono un po’ stanca di studi, al momento, sto pensando a un giallo..:) O a una lunga vacanza nature, ma davvero in mezzo al verde, mare, aria, e un poco di sole… (ma ovviamente rimane un sogno).

  7. diegod56 ha detto:

    in effetti un po’ di vacanza te la saresti anche meritata, dopo le fatiche colossali del libro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.