corpomente

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a corpomente

  1. Biuso ha detto:

    Caro Diego, è la prima volta che un mio libro riceve una videorecensione :-)
    La ringrazio molto di ciò che dice e dell’attenzione con la quale ha letto il volume.

  2. diegod56 ha detto:

    una cosa proprio “fatta in casa”, il volume avrebbe meritato ben altro, comunque lo prenda come l’omaggio d’un lettore non professionista; ci tenevo che il piccolo entourage dei miei amici e lettori lo conoscessero

  3. Biuso ha detto:

    Lei ha ben compreso questo libro, a cominciare dal fatto che la filosofia deve cercare di parlare a ogni umano -che sia o no professionista della teoresi- senza perdere il proprio rigore e anzi facendo di esso un dono per chi legge.
    Anche di questo la ringrazio.

  4. diegod56 ha detto:

    Troppo gentile, davvero.

    A proposito delle videorecensioni, in effetti il video è un mezzo di comunicazione molto potente ancora poco esplorato dai filosofi, anche se alcune “star”, come cacciari, bodei ed altri appaiono abbastanza spesso

    certamente un video non ha le stesse possibilità di un testo scritto, perchè la lettura di un intero corposo libro porterebbe a video decisamente lunghi, difficili da realizzare con mezzi artigianali, e per esempio le note sono impossibili da gestire, e lo spettatore del video non può sottolineare il testo

    però è pur vero che, le lezioni all’università o anche le conferenze, si basano sulla viva voce, sul gesto, e, almeno a quel che scrive l’amico scuderi, le sue lezioni sono un’esperienza che i suoi studenti, caro prof., amano assai

    chissà se oggi socrate, dubbioso sulla scrittura, non direbbe a platone:
    figliolo, non scrivere, agguanta la videocamera, che sto parlando!

    battute a parte, la parola scritta crea più fondamento, ma quella parlata ha anch’essa la sua forza

  5. Giusy ha detto:

    Caro Diego,
    mi associo ai complimenti di Alberto. La sua recensione mi è piaciuta molto. Concordo anche con la sua successiva riflessione, anche se devo dire che l’oralità non ha in quest’epoca più nulla di greco, neanche quando se lo propone. Un risultato a cui ci ha condotto la tecnica. Sì, ben venga il maestro che si propone ai molti con la parola non scritta, ma i molti devono andare dal maestro scegliendo di farlo oppure cercarlo nella parola scritta. Insomma, è necessario l’impegno, oltre che la fatica del concetto.
    Un caro saluto,
    Giusy Randazzo

  6. diegod56 ha detto:

    grazie davvero dell’apprezzamento;

    molto interessante la questione sull’oralità nell’oggi, e sulla differenza incolmabile rispetto al tempo dei greci

    un filosofo, dunque, è oggi soprattutto un filosofo “nel testo”? senz’altro è così, ma ci vorrei tornare su questo punto (magari quando il tormento lavorativo d’un grafico sotto natale allenterà la sua morsa…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.