dannata fretta

All’ombra dell’ultimo sole, s’era assopito un pescatore, e aveva un solco lungo il viso, come una specie di sorriso (F. De Andrè)

Uno dei dati storici che sempre mi ha stupito è la breve durata del Terzo Reich, mi pare dal 1932 fino al 1945. Un tempo brevissimo, ma assai tragicamente intenso. Sappiamo che gli uomini dotati di forte ascendente sui propri seguaci, come Napoleone o Alessandro Magno, sono stati molto rapidi nel tentativo di forgiare la storia, di plasmare le umane vicende secondo la propria incontenibile volontà. Quando la parabola di Napoleone volgeva al termine, aveva poco più di 40 anni, Alessandro fu ucciso dalla febbre molto giovane, al culmine d’un impero sconfinato.
Mi pare chiaro che la volontà di realizzare qualcosa, un’ambizione, un tentativo di riazzerare l’orologio della storia e farlo ripartire da zero, entra in conflitto con l’orizzonte comunque limitato d’una vita, d’una singola, piccola, vita.
Allora ecco che per condensare in un breve tempo una rivoluzione, un ribaltamento, una rifondazione, occorre la violenza, la guerra, l’imposizione rapida del dato di fatto. Non c’è tempo per convincere, è necessario imporre senza troppe spiegazioni. Le spiegazioni saranno scritte a posteriori, giacchè la storia, si sa, la riscrivono i vincitori.
Anche noi, nel nostro tempo, abbiamo ambizioni frettolose. Non c’è spazio per la saggezza pacata del padre antico, che costruisce una solida casa pensando ai discendenti, che pianta alberi frondosi, sotto le cui ombrose foglie giocheranno i figli dei suoi nipoti. L’orizzonte della vita è breve, nonostante le valvole e i pace makers, e allora ci vuole un successo rapido, da acchiappare costi quel che costi. E un nemico, è necessario, va scovato a tutti i costi.
Purtroppo la fretta rende cattivi. Invece le buone idee, quelle sagge, antiche e attualissime ancora, hanno bisogno di gente che sa guardare lontano, che sa trasmettere, che sa piantare un seme duraturo. Ma gente così, è fuori moda, c’è bisogno di anime nobili, e ne girano poche di questi tempi.
Una società diventa grande quando gli uomini anziani si preoccupano di piantare alberi anche se sanno che non siederanno mai alla loro ombra (antico proverbio arabo).

Informazioni su diegod56

meno scrivo, meglio è
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.